• 140
    Shares

Introduzione

Ho conosciuto il Maestro Montersino ad un suo corso e ho trovato un professionista di una precisione impressionante, chiaro, sintetico, con la capacità far capire agli astanti ogni minimo particolare di tutte le composizioni che lui prepara. Queste chiacchere sono speciali. Croccanti ma allo stesso tempo morbide, molto saporite e davvero buone. Da provare sicuramente tra le mille ricette che si possono trovare per questo dolcetto. Dopo averle fatte più volte, ho apportato alcune aggiunte che, devo dire, ci stanno proprio bene (scorza di arancio e brandy).

Fasi della preparazione

Dosi: per circa 50 chiacchiere
Tempo di esecuzione: 15 minuti per l’impasto + 12 ore di riposo in frigo.

Chiacchere

Ingredienti

  • 420 gr di farina Manitoba
  • 60 gr di zucchero a velo
  • 40 gr di burro ammorbidito
  • 2 tuorli
  • 2 uova
  • 1 cucchiaino di lievito
  • 4 gr di sale
  • la scorza di un limone (microplane)
  • la scorza di un arancio (microplane)
  • 1 bacca di vaniglia
  • 10 gr di aceto
  • 40 gr di latte
  • olio di semi di arachide per la frittura
  • io aggiungo 30 g di brandy

Procedimento

Impastare la farina insieme allo zucchero a velo, alle uova, ai tuorli, al lievito setacciato, al sale, all’aceto, al brandy ed al latte.Aggiungere quindi il burro ed infine la vaniglia e la scorza degli agrumi. Impastare bene fino ad ottenere un composto liscio (Kenwood velocità 2 per 15 minuti) quindi fare riposare in frigo per almeno 12 ore. Stendere l’impasto con la macchinetta ad uno spessore di 1 o 2 mm (ultima tacca della sfogliatrice), quindi ritagliare le sfoglie ottenute con la rotella dentellata; praticare, con la stessa rotella, due tagli all’interno di ogni rettangolo. Fare scaldare l’olio a 170/180°C quindi friggere le chiacchiere, poche per volta, scolandole una volta ben dorate (bastano pochi secondi per lato). Per ottenere un buon risultato, in questa semplice ricetta, bisogna seguire bene la frittura: inserire le sfoglie; appena si formano le bolle, girare le sfoglie e portare a cottura; scolare bene, mettere su carta assorbente (escono comunque molto asciutte), attendere un paio di minuti prima di spolverizzare con zucchero a velo.


  • 140
    Shares